Prima visita a studio

Perché il mal di schiena non passa oppure il dolore ritorna,
uguale o a volte più forte di prima?

Tanti anni di esperienza con pazienti che soffrono di mal di schiena, provenienti da medici e percorsi terapeutici differenti, mi ha obbligato a riflettere sulla motivazione di questo fallimento.

Dando per scontati impegno e buona fede dei diversi professionisti, a mio avviso il problema è l’approccio al mal di schiena, cioè il punto di vista da cui si parte!

Si inizia da una prima visita

La prima visita è la parte più importante del percorso terapeutico, per capire le cause del tuo mal di schiena ed impostare un trattamento mirato.

La maggior parte dei miei pazienti si è già sottoposta a visite specialistiche e a trattamenti riabilitativi che si sono rivelati inutili o solo temporaneamente efficaci, ma non risolutivi.

Come mai?

Ecco il problema

Le persone escono dagli studi medici con diagnosi tutte uguali e, di conseguenza, cure tutte uguali. Molto spesso, in realtà, la “diagnosi” effettuata non è altro che la traduzione in termini medici dei sintomi.

Ti faccio un esempio: vai dal medico e gli riferisci che hai dolore alla parte bassa della schiena. Lui dirà che hai una lombalgia. Ma questo termine è solo la traduzione in “medichese” del tuo sintomo e non dice nulla del perché hai il mal di schiena!

Non intendo dire che il medico non sappia o non voglia fare diagnosi, ma che ci si ferma ad un primo livello, aspecifico, che non consente di avere a disposizione tutti gli elementi necessari per risolvere il problema.

Secondo questo approccio, i mal di schiena sono, più o meno,  tutti uguali!

Questo è il primo anello di una catena e questo errore di fondo si ripeterà anche nelle fasi successive!

Non avendo identificato la causa che determina il mal di schiena,infatti, le cure proposte mirano esclusivamente ad eliminare il dolore ed eventuali altri sintomi,ancora in modo aspecifico! Questo equivale ad azzittire il nostro sistema di allarme senza aver capito cosa lo abbia attivato!

Le persone vengono imbottite di farmaci antidolorifici, antinfiammatori, miorilassanti, cortisonici (che, oltre a non curare il mal di schiena, hanno effetti collaterali importanti) e successivamente si sottopongono a trattamenti fisioterapici di tipo sintomatico, che alleviano il dolore per un po’, dando un’illusione di guarigione, che svanisce più o meno rapidamente.

Questo approccio terapeutico, a mio avviso, rende addirittura inutile formulare una diagnosi e prescrivere le indagini diagnostiche : a cosa serve sapere se ho uno schiacciamento vertebrale, un’ernia o un’artrosi lombare se comunque avrò una prescrizione di farmaci aspecifici o di trattamenti aspecifici, uguali in tutti i casi?

Dalla mia esperienza, per guarire dal mal di schiena occorre un cambiamento di prospettiva!

OGNI MAL DI SCHIENA E’ DIVERSO!

Con questo intendo dire che non solo un mal di schiena dovuto ad una tensione muscolare è ovviamente diverso da un mal di schiena dovuto ad un’ernia, ma anche che due mal di schiena dovuti ad un’ernia del disco  sono completamente diversi, perché l’ernia sarà stata generata da due posture diverse, da tensioni muscolari diverse, da abitudini di vita diverse; magari una persona ha un problema viscerale (ad esempio una colite, una gastrite), un’altra ha avuto un intervento chirurgico ed ha una cicatrice che ha sviluppato delle aderenze; un’altra ancora ha delle spaventose contratture muscolari determinate da uno stato di ansia che non le consente mai di rilassarsi.

Le VERE cause del mal di schiena

Le cause possono essere infinite, a volte addirittura possono non risiedere nella schiena, ma in altre parti del nostro corpo, anche lontane.

Le cause del mal di schiena sono a diversi livelli:

  1. Causa locale, cioè ciò che provoca direttamente il sintomo (CAUSA)
  2. Causa posturale, cioè la postura individuale che determina quella causa (CAUSA DELLA CAUSA)
  3. Causa sistemica, cioè l’insieme delle patologie e della sfera psico-emozionale dell’individuo che determina e/o influenza la postura (CAUSA GLOBALE)
  4. Lo stile di vita che agisce a tutti questi livelli (CAUSA PRIMARIA)

Per guarire devo trattare l’ernia con l’obiettivo di farla rientrare, ma contemporaneamente dovrò trattare lo squilibrio posturale, muscolare, viscerale e/o psico-emozionale che l’ha determinata per evitare che l’ernia si possa ripresentare.

Questo per me è il solo approccio terapeutico possibile!

Ed ecco perché la prima visita è così importante!

Durante la visita andrò ad indagare tutti i livelli di causa per arrivare ad una DIAGNOSI INDIVIDUALE!

Questo mi permetterà di darti subito delle indicazioni mirate rispetto al tuo problema e di impostare un trattamento globale individuale per risolvere la causa del TUO mal di schiena!

Per questa ragione la prima visita ha una durata di circa 2 ore e comprende una valutazione globale della persona, comprensiva di un’ANALISI POSTURALE e dello stile di vita.

Cosa potrò fare per te dopo la prima visita?

Rieducazione Posturale Globale

Indicata in caso di scoliosi, ipercifosi (schiena curva), iperlordosi (schiena molto arcuata), rettificazione (schiena dritta e rigida), valgismo/varismo (ginocchia ad X o ad O), asimmetrie, ecc.

Trattamento discopatie

Indicato in caso di protrusioni, ernie del disco, schiacciamento, disidratazione, degenerazione, ecc.

TRATTAMENTO DI TENSIONI, CONTRATTURE E RETRAZIONI MUSCOLARI

Indicato in caso di dolore, rigidità ,artrosi, limitazione dei movimenti, ecc.

TRATTAMENTO EMICRANIA, VERTIGINI, SINDROME ATM e Acufeni

E' indicato in tutti casi di tensioni e disfunzioni della zona del cranio, che sono collegati alla zona cervicale, con o senza dolore.

Rieducazione Respiratoria

Indicata in caso di insufficienza respiratoria di tipo ostruttivo e/o restrittivo (BPCO, enfisema, esiti di pleurite o polmonite, esiti di interventi chirurgici toraco-polmonari).

Riabilitazione Viscerale

Indicata in caso di gastrite, ernia iatale, reflusso gastro-esofageo, colite, patologie epato-biliari, cardiopatie, esiti di interventi chirurgici, ecc.

Le testimonianze di alcuni pazienti

GARANZIA AMALATUASCHIENA

Ogni consulenza o incarico è contraddistinto dalle mie personali 4 garanzie e dalla mia professionalità:

  • PROFESSIONALITA’

  • FORMAZIONE CONTINUA

  • METODO NATURALE

  • SEGUITO CON CURA

CON LA PRIMA VISITA RICEVERAI ANCHE BEN 3 OMAGGI SPECIALI

Riceverai l’accesso all’area riservata per potere scaricare e consultare le seguenti utilissime risorse.

IL POSTER “LE REGOLE PER AMARE LA TUA SCHIENA”

E’ il poster (in formato elettronico .pdf) in cui vengono illustrate le regole per uno stile di vita salutare per la tua schiena ma anche per un benessere globale. Troverai pratiche immagini che ti ricorderanno quali buone abitudini devi mantenere per preservare la tua schiena.

L’EBOOK “LE REGOLE
PER NUTRIRE LA TUA SCHIENA”

E’ una guida ad un’alimentazione sana ed equilibrata finalizzata a nutrire le ossa, i muscoli, le cartilagini ed i dischi intervertebrali, ma anche a migliorare i metabolismi di tutti i tessuti del corpo e a depurare e riequilibrare l’attività degli organi interni.

PARTECIPAZIONE GRATUITA AD UNA GIORNATA A TEMA

Le giornate a tema sono incontri formativi/educativi su particolari problematiche della colonna vertebrale nelle quali potrai scoprire la causa del tuo mal di schiena. Avrai accesso GRATUITO ad una giornata di formazione sul tuo problema specifico.

Cosa aspetti?

Prenota la tua visita a studio!

Il costo della visita è 127 euro!

Compila il modulo e ricevi i dettagli per prenotare la tua visita versando un acconto di 63,50€
(la parte rimanente la salderai in studio).

Ti aspetto per capire insieme la causa del TUO mal di schiena
e cosa fare per tornare a stare bene definitivamente!

Per continuare, spunta questa casella nel rispetto della tua privacy. Inviando il presente modulo autorizzi, nel rispetto del Codice sulla Privacy, D.Lgs. 196/2003, il trattamento dei tuoi dati, che non saranno mai diffusi né comunicati a terzi soggetti e dichiari di aver preso visione delle condizioni generali di servizio e della privacy.

F.A.Q. PRIMA VISITA

Ho gia’ effettuato una visita specialistica ( ortopedica, fisiatrica,neurologica, ecc) ed ho una prescrizione di fisioterapia. posso evitare la prima visita?

NO, sono due cose completamente diverse.  La prima visita serve  ad acquisire tutti gli elementi necessari ad impostare un trattamento riabilitativo individuale, che non vengono forniti dalle visite mediche specialistiche, anche se molto accurate, ad esempio la valutazione posturale,  i tuoi  schemi di posizione e di movimento, la valutazione del carico e dell’appoggio dei piedi, la relazione con eventuali altri sintomi, la presenza di problemi viscerali che possono essere correlati al mal di schiena, lo stile di vita , ecc. Ovviamente durante la visita prenderò visione dei referti specialistici e delle indicazioni in essi riportate.

Cosa devo portare?

Tutti i referti medici e gli esami diagnostici in tuo possesso, anche non pertinenti al problema per cui vieni a visita: lastre, Risonanze, TAC, ecografie, esami del sangue, referti di visite specialistiche, cartelle cliniche, ecc. Durante la visita prenderò visione di tutto il materiale necessario ad avere un inquadramento generale del tuo stato di salute, ricercare le cause del tuo mal di schiena e  verificare la presenza di eventuali limiti o controindicazioni al trattamento riabilitativo, ad esempio: cardiopatie, problemi respiratori, gastriti, coliti, ecc..

Cosa devo indossare?

Non è necessario un particolare abbigliamento, tuttavia ad un certo punto della visita ti sarà richiesto di togliere i vestiti. Quindi ti consiglio di indossare una baincheria intima comoda per non sentirti in imbarazzo e poterti muovere liberamente

Possono assitere alla visita altre persone?

Può assitere alla visita solo un parente e se si tratta di bambini/adolescenti o anziani. In caso di pazienti adulti la presenza di familiari è sconsigliata poichè, andando ad indagare ambiti personali, il paziente potrebbe non esprimersi liberamente. Durante la visita potrebbe essere richiesto al familiare di uscire dalla stanza, per motivi di privacy o nel caso in cui interferisca con il buon andamento della visita.

Mi verrà rilasciato un referto?

Al termine della visita ti verrà consegnata la tua scheda, che conterrà tutti gli elementi emersi e tutte le indicazioni terapeutiche . Questo ti consentirà di rilassarti durante la visita, poichè non dovrai cercare di memorizzare quanto ti dirò. Inoltre potrai far visionare il referto al tuo medico di base o al tuo specialista di riferimento.

Il costo della visita e’ detraibile dalle tasse?

SI’, è possibile detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 19% ai sensi dell’ art 15, comma  1, lett. C del TUIR inerente le spese sanitarie.

F.A.Q. SUL DOPO VISITA

Quante sedute dovro’ fare per risolver e il mio problema?

Non è possibile rispondere a queste domanda. Ogni mal di schiena è diverso, le cause sono diverse ed ogni persona  risponde in modo diverso alle cure. Il trattamento comunque è impostato in modo da ottenere il massimo risultato nel minor tempo possibile, a patto che si seguano TUTTE le indicazioni fornite in sede di visita e di trattamento.

Avete macchinari come la tecar, il laser, la ionoforesi, la tens, ecc?

NO, nel centro amalatuaschiena si pratica solo terapia manuale altamente specialistica, secondo  tecniche riabilitative all’avanguardia  e scientificamente riconosciute.  Credo nell’approccio alla  CAUSA del mal di schiena , per questa ragione non utilizzo macchinari, che hanno un azione esclusivamente sul sintomo.

Terminato il percorso, staro’ bene o dovro’ continuare a d efettuare dei cicli di terapia periodici?

Il percorso è impostato in modo tale che tu impari a gestire da solo il tuo mal di schiena. Infatti  in associazione al trattamento riabilitativo in studio è previsto un autotrattamento a casa, che ha i seguenti obiettivi:

  • Mantenere i risultati ottenuti durante le sedute
  • Prendere consapevolezza delle nuove posture che ti verranno insegnate e renderle automatiche
  • Imparare a gestire il dolore
  • Guarire prima

Quindi non avrai bisogno di cicli periodici, poiché se seguirai tutte le indicazioni che ti darò durante il percorso, starai bene definitivamente e dovrai solo mantenere il risultato ottenuto.

E’ consigliabile un controllo a distanza, da concordare insieme, per monitorare la situazione nei primi tempi dopo la dimissione.